Rimettiamoci in forma dopo le vacanze estive

Rimettiamoci in forma dopo le vacanze estive

Adoro le energie che si sprigionano durante le vacanze estive. Tutta la vita procede a un ritmo rallentato, le persone sono più felici e rilassate e, anche se non possiamo assentarci per un periodo di tempo troppo lungo dal lavoro, le settimane di lavoro possono essere abbreviate – finiamo di lavorare un giovedì, ci prendiamo un paio di giorni di ferie nella settimana successiva ed ecco che abbiamo quasi una settimana di tempo libero da dedicare a noi e ai nostri bisogni.

Anche se il relax e il tempo libero sono parti essenziali e necessarie di una sana routine generale, probabilmente non sorprende che essere costantemente in vacanza o in modalità week-end possa far prendere dei chiletti al nostro corpo.

È bello sentirsi disinvolti e aperti all’esistenza, ma non è consigliabile applicare la mentalità della "modalità vacanza" anche alla dieta o al fitness.

Purtroppo, non tutti riescono a mantenersi fedeli ai buoni propositi, neppure durante le vacanze estive! È difficile resistere ai grandi pranzi con amici e parenti, alle grigliate, agli aperitivi (i cocktail sono calorie liquide!), a un po’ di pigrizia che ci fa stare in spiaggia immobili per ore. Come evitare poi di prendere un taxi in mete turistiche per vedere il più possibile nel poco tempo che possiamo trascorrere in un luogo nuovo, bellissimo e sconosciuto; anche il tempo è contro la nostra volontà di visitare tutto a piedi.

D’altronde, non si può pretendere di controllare quello che ci metteranno nel piatto tutte le volte che partecipiamo a un banchetto con i nostri cari e la festa delle vacanze estive sta anche nel mangiare e bere in allegria. Insomma, i nostri obbiettivi di benessere sono messi a dura prova durante le vacanze estive.

Lasciarsi andare ha purtroppo i suoi lati negativi: prendiamo un bel colore brunetto per l’abbronzatura solare, ma i nostri difetti corporei risultano sempre più definiti.

E allora che fare?

È importante correre subito ai ripari prima che arrivi il freddo e che il corpo modifichi il metabolismo in vista dell’arrivo dell’autunno. Il metabolismo, infatti, può subire un rallentamento fino al 10% durante il periodo freddo, a causa dello stile di vita meno attivo e delle modificazioni fisiologiche necessarie ad affrontare il freddo e le aggressioni alle difese immunitarie.

Come possiamo aiutarti prima che il grasso accumulato diventi permanente e sia molto più difficile da eradicare?

Noi ti offriamo gratuitamente la Valutazione del Benessere, un servizio esclusivo di grandissimo valore per una precisa e accurata analisi dello stato del tuo organismo.

Si tratta di una sorta di check-up fisiologico grazie al quale possiamo individuare parametri essenziali alla corretta creazione di un Percorso del Benessere completamente ritagliato sulla tua persona.

Come possiamo ottenere le informazioni sul tuo corpo?

Grazie alla pedana impedenzometrica, uno strumento sofisticato con il quale possiamo determinare i valori attuali del tuo organismo: massa grassa, massa magra, acqua, grasso viscerale, densità ossea, metabolismo basale, fabbisogno proteico, addirittura l’età biologica, cioè l’età di invecchiamento degli organi. In una parola, lo stato biologico del tuo organismo.

La misurazione dell'impedenza viene utilizzata per misurare la resistenza di un organismo a una corrente elettrica. Nel caso della misurazione del grasso corporeo, il misuratore di impedenza è un dispositivo per misurare l'impedenza del corpo. Il grasso è un cattivo conduttore elettrico e si oppone quindi a una resistenza maggiore rispetto ad altri tessuti.

Avrai bisogno di pesarti a piedi nudi, per garantire il contatto tra la pelle e i sensori di metallo. Su uno di essi, viene emessa una leggera corrente. Dall'altra parte, viene misurata la corrente recuperata all'uscita del tuo corpo.

Il contenuto di grasso corporeo varia in base all'età e al sesso. Gli intervalli medi che indicano un corretto contenuto di grassi sono: dal 10% al 20% per gli uomini e dal 20% al 30% per le donne.

Avere un tasso più elevato è un campanello d’allarme che dovrebbe incoraggiare una dieta equilibrata.

N.B. Le intensità delle correnti non hanno alcun effetto sulla salute.

Anche chi crede di essere perfettamente nel proprio peso forma potrebbe, in realtà, scoprire di avere parametri di grasso viscerale ben oltre la norma. Il grasso viscerale non è qualcosa da prendere alla leggera.

Che cos’è il grasso viscerale, il “killer silenzioso”?

È normale e salutare avere del grasso corporeo, ma esistono tipi differenti di grasso. Il grasso viscerale è un tipo di grasso corporeo che viene immagazzinato all'interno della cavità addominale. Si trova vicino a diversi organi vitali, tra cui cuore, fegato, stomaco e intestino. Il grasso viscerale viene talvolta definito "grasso attivo" perché può aumentare attivamente il rischio di gravi problemi di salute.

Il grasso della pancia (che tanto tentiamo di ridurre perché immediatamente visibile), non è necessariamente grasso viscerale. Il grasso della pancia solitamente risulta essere grasso sottocutaneo, conservato appena sotto la pelle e, quindi, più facile da vedere. Il grasso viscerale è situato all'interno della cavità addominale e non è facilmente visibile.

Quest’ultimo può causare gravi problemi di salute. Per esempio può aumentare la resistenza all'insulina, anche se non hai mai avuto diabete o prediabete. La ricerca ha scoperto che questo potrebbe essere dovuto al fatto che una proteina legante, il retinolo, che aumenta la resistenza all'insulina è secreta da questo tipo di grasso. Il grasso viscerale può anche aumentare rapidamente la pressione sanguigna, portando a una cronicità del problema dell’alta pressione.

Tra le condizioni mediche gravi e di lungo decorso che possiamo sviluppare a causa del grasso viscerale ritroviamo: infarti e malattie cardiache, diabete di tipo 2, ictus, cancro al seno, cancro colon-rettale, Il morbo di Alzheimer.

In tutti questi anni abbiamo incontrato moltissime persone magre con un'altissima percentuale di grasso viscerale. Non sempre essere magri vuol dire essere sani!

Il peso è un valore relativo, quello che conta è l’equilibrio delle varie sostanze presenti nel nostro corpo, quindi il giusto rapporto massa grassa, massa muscolare, grasso, massa ossea, liquidi. Solo una corretta alimentazione e uno stile di vita equilibrato consentono di raggiungere i nostri obbiettivi di benessere.

Come sbarazzarsi del grasso

Fortunatamente, il grasso è recettivo all'esercizio fisico, alla dieta e ai cambiamenti dello stile di vita.

Quando possibile, si dovrebbe esercitare per almeno 30 minuti ogni giorno. Assicurati di includere sia esercizi cardio che quelli incentrati sulla potenza. Il cardio consiste nell'esercizio aerobico, come andare in bicicletta o fare jogging. Un’attività di questo tipo brucerà il grasso velocemente.

L'allenamento incentrato sulla potenza aumenterà la dimensione della massa magra con conseguente aumento dell’energia media consumata dall’organismo: aumento del metabolismo e del consumo calorico individualmente. Idealmente, fai 30 minuti di cardio 5 giorni a settimana e allenamento di potenza almeno 3 volte a settimana.

Tutto questo va bene, ma incide solo sul 20% del risultato. Indispensabile quindi abbinare una corretta alimentazione e nutrizione, che invece incidono sul risultato per ben l’80%.

…e per sbarazzarsi del Grasso Viscerale?

L'ormone dello stress (il cortisolo) può effettivamente aumentare la quantità di grasso viscerale che il tuo corpo immagazzina, quindi ridurre lo stress nella tua vita renderà più facile perderlo. Pratica la meditazione, la respirazione profonda e le tattiche di gestione dello stress.

Ricorda che l’alimentazione incide praticamente in modo quasi totale sulla riduzione del grasso viscerale.

È assolutamente essenziale, quindi, seguire una dieta sana e ben bilanciata. Elimina dalla dieta cibi elaborati, ricchi di zuccheri e grassi, e includi più proteine magre (carne bianca e pesce) e carboidrati complessi come cereali integrali, legumi (fagioli, lenticchie, ecc.) e verdure ricche di fibre.

Utilizzare metodi di cottura a basso contenuto di grassi, come cottura alla griglia, bollitura o cottura al forno, invece della frittura. Quando usi gli oli, scegli quelli più sani come l'olio d'oliva invece del burro o dell'olio di arachidi.

Il grasso viscerale non è visibile, quindi non sempre sappiamo che è lì, rendendolo molto più pericoloso. Fortunatamente, di solito è prevenibile. Mantenere uno stile di vita sano, attivo e a basso stress può impedire che il grasso viscerale si accumuli in eccesso nella cavità addominale.

In conclusione per ottenere risultati duraturi nell’eliminazione del grasso, ribadiamo, occorre cambiare le proprie abitudini in senso più salutare: una buona quota del percorso, l’80%, dipende dall’assumere una corretta alimentazione (priva di grassi inutili, rispettando il corretto fabbisogno proteico giornaliero e con un contenuto calorico mai eccedente il fabbisogno energetico individuale); il restante 20% dipende dalla conduzione di uno stile di vita adeguato (attivo e rilassato).

Coloro che vogliono intraprendere il Percorso del Benessere riceveranno il nostro caloroso supporto e saranno accompagnati fino al raggiungimento dei loro obiettivi. Non esitate a contattarci per qualsiasi chiarimento: la vita va vissuta al meglio, con un piccola guida potrete migliorare la qualità della vostra esistenza in modo immediatamente percepibile!

In vacanza con bambini piccoli

Quando le temperature aumentano e si è in vacanza in luoghi assolati, in genere il desiderio di stare in cucina affonda. …

Indice glicemico, questo sconosciuto

L’IG indica la capacità di un glucide di innalzare la glicemia dopo aver mangiato rispetto a quanto possa fare il glucosio …

Effetti del cibo su corpo-mente

Nel nostro sistema nervoso centrale, abbiamo due zone che lavorano all’interno dell’ipotalamo, ovvero il centro della …