Il cortisolo, questo “sconosciuto”

Il cortisolo, questo “sconosciuto”

Il cortisolo viene chiamato anche ‘ormone dello stress’ poiché è stato dimostrato che viene prodotto in risposta all’ACTH, un ormone ipofisario, e in quantità notevoli durante sforzi fisici prolungati o dopo seri interventi chirurgici.

Il cortisolo viene secreto dalla fascicolata del surrene e inibisce le funzioni corporee più banali per sostenere nel breve periodo gli organi vitali.

Anche una dieta non variegata o prolungati digiuni tendono ad aumentare la produzione di cortisolo nell’organismo, provocando le seguenti reazioni:

- sistema immunitario indebolito

- aumento della gittata cardiaca

- rischio di osteoporosi

- aumento del catabolismo proteico

- aumento della glicemia

- alterazioni del ciclo mestruale

- debolezza

- alopecia

- acne

- comparsa del Morbo di Cushing

Il Morbo di Cushing provoca una caratteristica ridistribuzione della massa grassa, una perdita notevole della massa magra, fragilità capillare, diabete e psicosi.

Mantenere sotto controllo la quantità di cortisolo è di fondamentale importanza, soprattutto negli atleti o nelle persone con scarso appetito che tendono a saltare i pasti.

Un’alimentazione corretta e nutriente sta alla base di una vita sana, ed è utilissima anche per combattere alti livelli così pericolosi di questo ormone catabolico.

Sono consigliati almeno 5 pasti al giorno iniziando da una colazione abbondante e spezzando le ore che ci separano dal pranzo e dalla cena con spuntini nutrienti.

Cosa NON fare in caso di alterazione nella produzione di cortisolo

Ecco alcuni consigli riguardo comportamenti SBAGLIATI:

- Saltare i pasti e, soprattutto, la colazione

- Consumare solamente carboidrati a colazione

- Nutrirsi in modo scarso o tipo ‘dieta ferrea’

- Consumare prodotti confezionati o raffinati

- Seguire una dieta vegana o vegetariana (troppi carboidrati a discapito delle proteine)

- Consumare grandi quantità di amidacei e di legumi (patate, piselli, fagioli, ecc.)

- Consumare dosi elevate di glutine

- Mangiare carboidrati prima di dormire (compresa la frutta)

- Sottoporsi a sforzi eccessivi durante gli allenamenti

Anabolismo e catabolismo – approfondimenti

Con il termine metabolismo ci riferiamo ad un insieme di trasformazioni che avvengono a livello chimico nelle cellule per ottenere un prodotto da una molecola (precursore). Questo precursore si trasforma nei metaboliti mediante i processi chimici metabolici.

Il catabolismo distrugge le molecole dei nutriliti trasformandole in prodotti più semplici, riuscendo a immagazzinare l’energia così ottenuta in molecole come l’ATP.

Queste molecole energetiche vengono poi utilizzate nella fase costruttiva del metabolismo, ovvero l’anabolismo (chiamato anche biosintesi) che sintetizza le biomolecole creando le proteine, gli zuccheri e i grassi.

Perché la dieta mediterranea ha dimezzato il suo potere nutritivo

Quando si parla di dieta mediterranea, tipica delle nostre terre, si pensa immediatamente a una sana alimentazione, supportata …

Cosa sappiamo dei carboidrati?

I carboidrati fanno parte della nostra alimentazione, e soprattutto per chi sceglie uno stile di vita di tipo vegetariano …

Perché è trendy essere tonici, tre ragioni per iniziare a fare esercizi di forza

In una società moderna dove tutto è basato sull’apparire, sulla fisicità e sul bell’aspetto (anche se, fortunatamente, …