Conoscere il colesterolo, cosa è e come difenderci

Conoscere il colesterolo, cosa è e come difenderci

Generalmente quando sentiamo parlare di Colesterolo, pensiamo a qualcosa di negativo, di deleterio per il nostro organismo; c’è da dire che con il termine Colesterolo, invece, si intende semplicemente una sostanza lipidica fondamentale per moltissimi processi nei nostri organi. Diventa dannosa solo se presente in eccesso nelle arterie e nelle vene.

I tipi di colesterolo

Il nostro corpo produce autonomamente quasi il 100% della quantità di colesterolo che si serve per vivere, e solo una piccolissima percentuale dovrebbe essere assunta tramite il cibo di ogni giorno.

Noi, invece, tendiamo ad abusarne, introducendo nell’organismo svariate quantità di grasso, e questo non ci fa di certo bene.

Il fegato è il principale ‘elaboratore’ di tutte le molecole di colesterolo, anche di quelle assorbite a livello intestinale. Questo organo smista le cellule di grasso in due famiglie lipidiche distinte: il colesterolo e i trigliceridi, a loro volta poi trasportati in tutto l’organismo tramite le lipoproteine.

Queste lipoproteine possono essere di tre tipi:

  • VLDL (densità molto bassa) che portano i trigliceridi agli organi
  • LDL (bassa densità) che portano il grasso nei tessuti
  • HDL (alta densità) che ripuliscono il corpo dal colesterolo in eccesso, riportandolo al fegato per la rimozione definitiva

I problemi di colesterolo alto

Quando le lipoproteine LDL spargono nei tessuti una quantità eccessiva di colesterolo, altre cellule depositano le molecole di grasso nei vasi sanguigni (aterosclerosi). Il restringimento dei condotti adibiti al trasporto del sangue può portare all’infarto o all’ictus. Ecco perché l’LDL si chiama in gergo anche colesterolo ‘cattivo’.

Le lipoproteine HDL, invece, tendono a ripulire il sangue e quindi si dicono comunemente colesterolo ‘buono’.

Delle semplici analisi del sangue con prelievo venoso possono dirci se i nostri valori di HDL e di LDL sono normali o sballati.

Come combattere gli alti livelli di colesterolo

Sulle nostre tavole compaiono sempre più spesso, purtroppo, alimenti pregni di colesterolo come il burro, ad esempio, o la panna; la carne e il pesce non ne sono privi ma ne contengono una quantità media (tranne pesci grassi come il salmone o particolari tagli di carne), mentre i cereali, soprattutto se integrali, frutta e verdura ne sono quasi privi.

Dobbiamo evitare i fritti e anche di ‘annegare’ le insalate nell’olio, anche se extra vergine di oliva: si tratta sicuramente di una sostanza ricca di benefici, ma deve essere comunque usata con moderazione (è pur sempre un grasso!).

L’attività fisica gioca un ruolo fondamentale per riuscire a ‘bruciare’ i grassi introdotti in eccesso e per non affaticare tutto l’apparato cardiocircolatorio.

L’intestino, il nostro “secondo cervello”

È stato recentemente dimostrato che il ruolo dell’intestino all’interno dei meccanismi che regolano l’intero corpo …

Movimento a tutte le età della vita

Di solito quando si parla di attività fisica, intensa o moderata, si pensa sempre all’età dello sviluppo (quindi fanciulli …

Arriva l’autunno, come affrontarlo al meglio

La gola fa male, il naso cola, sentiamo brividi lungo il corpo… Vogliamo evitare tutti i guai derivanti dal cambio di stagione …